Articolo in evidenza
diario di un mezzo nerd

Una nuova casa per Diario di un mezzo nerd!

Finalmente, il grande passo è stato compiuto e Diario di un mezzo nerd è arrivato nella sua nuova casa!

Diario di un mezzo nerd ha, finalmente, un dominio tutto suo! Sto ancora smanettando con l’installazione di WordPress, tante cose cambieranno a breve. Il tema non mi convince, ma è quanto di più vicino a quello vecchio io sia riuscito a trovare.

Continua a leggere

death note netflix recensione

Il Death Note di Netflix è una cagata pazzesca!

Non ho nulla contro le trasposizioni cinematografiche americane di manga e anime giapponesi, ma il Death Note di Netflix è davvero uno dei film più brutti che abbia mai visto.

Questa volta, Netflix l’ha proprio fatta fuori dal vaso: il film di Death Note, che dovrebbe essere solo ispirato all’anime quando in realtà ne è una brutta copia, è proprio una cagata pazzesca!

Continua a leggere

amazon prime day 2017

Amazon Prime Day: numerose offerte su film, serie TV e videogiochi

A partire dalle 18 di oggi, e fino alle 23:59 di domani, 11 luglio, c’è l’Amazon Prime Day. Ecco alcune offerte interessanti su DVD, Blu-Ray e videogames!

Come ogni anno, anche in questo afoso luglio 2017 sta per arrivare l’Amazon Prime Day, con ben 30 ore di sconti per tutti i clienti Prime. Ricaricate le vostre carte prepagate e date un’occhiata ai numerosi prodotti in offerta!

Continua a leggere

blue whale pixabay

Blue Whale: come fare informazione senza controllare le fonti

È, forse, sbagliato dire che la Blue Whale Challenge sia una bufala, ma è vero che tv e giornali hanno gonfiato la notizia.

Da quando, domenica, Le Iene hanno fatto un servizio sulla Blue Whale Challenge, su internet non si parla d’altro. Il Giornale, il cui direttore venderebbe pure la madre per qualche click in più, ha, dapprima, pubblicato le 50 regole di questo macabro gioco, salvo poi ritrattare sostenendo che potrebbe trattarsi di una bufala atta a screditare Putin.

Continua a leggere

wannacry ransomware

Wannacry: due parole sull’attacco ransomware di venerdì

Lo scorso venerdì, un attacco hacker di portata mondiale ha messo fuori gioco i computer i computer del Sistema Sanitario Nazionale britannico, diverse compagnie telefoniche europee e alcune università. La situazione, ora, sembra essere tutt’altro che sotto controllo e si temono nuovi attacchi durante la settimana. Tuttavia, quanto successo è indice di un grave problema. Wannacry, questo il nome del ransomware utilizzato, dimostra che anche le aziende più importanti sottovalutano l’importanza della sicurezza informatica.

Continua a leggere

una serie di sfortunati eventi

Recenserial: Una serie di sfortunati eventi

Quale modo migliore per inaugurare il blog nel suo nuovo spazio, se non parlando di serie TV? L’onore di aprire le danze, oggi, tocca alla mia recensione di Una serie di sfortunati eventi, prodotta e trasmessa da Netflix, pubblicata sulla piattaforma di streaming il 13 gennaio di quest’anno.

Continua a leggere

Legittima difesa solo di notte? Facciamo chiarezza!

Il nuovo disegno di legge sulla legittima difesa è stato approvato, con 225 voti favorevoli e 166 contrari, alla Camera. Ora la parola spetta al Senato, dove, però, pare sia già impantanato. Indipendentemente dal risultato, però, sostenere che questa proposta estenda il diritto alla legittima difesa solo di notte significa avere seri problemi nella comprensione di un testo scritto.

Continua a leggere

Recenserial: The Crown, un capolavoro!

Il Regno Unito (non così tanto unito, a quanto pare) ha formalmente avviato la procedura per l’uscita dall’Unione Europea. Netflix, nel frattempo, ci propone una serie tv incentrata su due tra i più importanti personaggi della storia politica britannica: la Regina Elisabetta II e Winston Churchill. Ecco la mia personale recensione di The Crown.

Continua a leggere

Siamo davvero indifesi contro le bufale online?

“Scriverò a Facebook protestando per il fatto che fanno girare notizie false. Come facciamo noi che non abbiamo strumenti a distinguerle dalle vere? Devono dircelo loro, altrimenti per colpa di altri facciamo la figura dei cretini.” È questa, apparentemente, l’improbabile linea difensiva di uno dei tanti utenti che hanno condiviso su Facebook la bufala della sorella di Laura Boldrini, in pensione a soli 35 anni.

Continua a leggere